Che cosa Dio dice nel Nuovo Testamento sull’indissolubilità del matrimonio e sull’adulterio?

« Chiunque ripudia la propria moglie e ne sposa un’altra, commette adulterio; chi sposa una donna ripudiata dal marito, commette adulterio » (Luca 16:18)

« Agli sposati ordino, non io, ma il Signore: la moglie non si separi dal marito – 11e qualora si separi, rimanga senza sposarsi o si riconcili con il marito – e il marito non ripudi la moglie. (1 Lettera di St. Paulo Apostolo ai Corinzi 7: 10-11)

« Non sapete che gli ingiusti non erediteranno il regno di Dio? Non illudetevi: né immorali, né idolatri, né adulteri, né depravati, né sodomiti, 10né ladri, né avari, né ubriaconi, né calunniatori, né rapinatori erediteranno il regno di Dio ». (1 Lettera di St. Paulo Apostolo ai Corinzi 6:9-10)

« Signore, gli disse la donna, dammi di quest’acqua, perché non abbia più sete e non continui a venire qui ad attingere acqua. Le disse: “Và a chiamare tuo marito e poi ritorna qui”. Rispose la donna: “Non ho marito”. Le disse Gesù: “Hai detto bene “non ho marito »; infatti hai avuto cinque mariti e quello che hai ora non è tuo marito; in questo hai detto il vero”. Gli replicò la donna: “Signore, vedo che tu sei un profeta. (Vangelo secondo Giovanni 4:15-19)

« Partito di là, si recò nel territorio della Giudea e oltre il Giordano. La folla accorse di nuovo a lui e di nuovo egli l’ammaestrava, come era solito fare. E avvicinatisi dei farisei, per metterlo alla prova, gli domandarono: “È lecito ad un marito ripudiare la propria moglie?”. Ma egli rispose loro: “Che cosa vi ha ordinato Mosè?”. Dissero: “Mosè ha permesso di scrivere un atto di ripudio e di rimandarla”. Gesù disse loro: “Per la durezza del vostro cuore egli scrisse per voi questa norma. Ma all’inizio della creazione Dio li creò maschio e femmina; per questo l’uomo lascerà suo padre e sua madre e i due saranno una carne sola. Sicché non sono più due, ma una sola carne. L’uomo dunque non separi ciò che Dio ha congiunto”. Rientrati a casa, i discepoli lo interrogarono di nuovo su questo argomento. Ed egli disse: “Chi ripudia la propria moglie e ne sposa un’altra, commette adulterio contro di lei; se la donna ripudia il marito e ne sposa un altro, commette adulterio ». (Vangelo secondo Marco 10:1-12)
(*) Il Vangelo ammette il divorzio? – padre professore Jacek Salij OP >>

« Avete inteso che fu detto: Non commettere adulterio; ma io vi dico: chiunque guarda una donna per desiderarla, ha già commesso adulterio con lei nel suo cuore. Se il tuo occhio destro ti è occasione di scandalo, cavalo e gettalo via da te: conviene che perisca uno dei tuoi membri, piuttosto che tutto il tuo corpo venga gettato nella Geenna. E se la tua mano destra ti è occasione di scandalo, tagliala e gettala via da te: conviene che perisca uno dei tuoi membri, piuttosto che tutto il tuo corpo vada a finire nella Geenna. Fu pure detto: Chi ripudia la propria moglie, le dia l’atto di ripudio; ma io vi dico: chiunque ripudia sua moglie, eccetto il caso di concubinato, la espone all’adulterio e chiunque sposa una ripudiata, commette adulterio » . (Vangelo secondo Matteo 5:27-32)
(*) Il Vangelo ammette il divorzio? – padre professore Jacek Salij OP >>

« Siate sottomessi gli uni agli altri nel timore di Cristo. Le mogli siano sottomesse ai mariti come al Signore; il marito infatti è capo della moglie, come anche Cristo è capo della Chiesa, lui che è il salvatore del suo corpo. E come la Chiesa sta sottomessa a Cristo, così anche le mogli siano soggette ai loro mariti in tutto. E voi, mariti, amate le vostre mogli, come Cristo ha amato la Chiesa e ha dato se stesso per lei, per renderla santa, purificandola per mezzo del lavacro dell’acqua accompagnato dalla parola, al fine di farsi comparire davanti la sua Chiesa tutta gloriosa, senza macchia né ruga o alcunché di simile, ma santa e immacolata. Così anche i mariti hanno il dovere di amare le mogli come il proprio corpo, perché chi ama la propria moglie ama se stesso. Nessuno mai infatti ha preso in odio la propria carne; al contrario la nutre e la cura, come fa Cristo con la Chiesa, poiché siamo membra del suo corpo. Per questo l’uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà alla sua donna e i due formeranno una carne sola. Questo mistero è grande; lo dico in riferimento a Cristo e alla Chiesa! Quindi anche voi, ciascuno da parte sua, ami la propria moglie come se stesso, e la donna sia rispettosa verso il marito. (Lettera di San Paolo agli Efesini 5,21—33)

« Gesù si avviò allora verso il monte degli Ulivi. Ma all’alba si recò di nuovo nel tempio e tutto il popolo andava da lui ed egli, sedutosi, li ammaestrava. Allora gli scribi e i farisei gli conducono una donna sorpresa in adulterio e, postala nel mezzo, gli dicono: “Maestro, questa donna è stata sorpresa in flagrante adulterio. Ora Mosè, nella Legge, ci ha comandato di lapidare donne come questa. Tu che ne dici?”. Questo dicevano per metterlo alla prova e per avere di che accusarlo. Ma Gesù, chinatosi, si mise a scrivere col dito per terra. E siccome insistevano nell’interrogarlo, alzò il capo e disse loro: “Chi di voi è senza peccato, scagli per primo la pietra contro di lei”. E chinatosi di nuovo, scriveva per terra. Ma quelli, udito ciò, se ne andarono uno per uno, cominciando dai più anziani fino agli ultimi. Rimase solo Gesù con la donna là in mezzo. Alzatosi allora Gesù le disse: “Donna, dove sono? Nessuno ti ha condannata?”. Ed essa rispose: “Nessuno, Signore”. E Gesù le disse: “Neanch’io ti condanno; và e d’ora in poi non peccare più”. (Vangelo secondo Giovanni 8,1-11)

Gesù salvò una donna adultera, ma impostò una condizione – và e d’ora in poi non peccare più …

« Il matrimonio sia rispettato da tutti e il talamo sia senza macchia. I fornicatori e gli adulteri saranno giudicati da Dio » . (Lettera di San Paolo agli Ebrei 13:4)

« Giovanni diceva a Erode: “Non ti è lecito tenere la moglie di tuo fratello »”. (Vangelo secondo Marco 6,18)

« Erode aveva arrestato Giovanni e lo aveva fatto incatenare e gettare in prigione per causa di Erodìade, moglie di Filippo suo fratello. Giovanni infatti gli diceva: “Non ti è lecito tenerla! »”. (Vangelo secondo Matteo 14, 3-4)

« Beati piuttosto coloro che ascoltano la parola di Dio e la osservano » (Vangelo secondo Luca 11,28)

In una nota al Vangelo di San Matteo (Bibbia, Pallottinum) relativa al frammento di 5.32 si legge: “Tutti e tre Sinottici mostrano chiaramente ed inequivocabilmente che Gesù ripristinò l’indissolubilità originale del matrimonio originale e non permise alcun divorzio (Mt 19,6-9; Mc 10,2-12; Luca 16:18; cfr 1 Cor 7,10n). L’eccezione menzionata qui e nel Mt 19,9 può essere capita nel senso che non si tratta del matrimonio legalmente contratto. La coesistenza delle due persone al di fuori del matrimonio è sempre prostituzione. Il termine qui usato gr. gyne significa nello stesso tempo moglie e donna. Solo Matteo tiene conto delle discussioni rabbiniche. »

Che cosa Dio dice nel Vecchio Testamento sull’indissolubilità del matrimonio e sull’adulterio?

Il Comandamento (sesto), più volte espresso nella Scrittura:

« Non commettere adulterio » . (Esodo 20:14)

« Non commettere adulterio » (Deuteronomio 5:18)

« Se uno commette adulterio con la moglie del suo prossimo, l’adultero e l’adultera dovranno esser messi a morte ». (Levitico 20:10)

« L’occhio dell’adultero spia il buio e pensa: “Nessun occhio mi osserva! »”. (Giobbe 24:15)

« Ma l’adultero è privo di senno; solo chi vuole rovinare se stesso agisce così ». (Proverbi 6:32)

« (…) confusione dei buoni, ingratitudine per i favori, corruzione di anime, perversione sessuale, disordini matrimoniali, adulterio e dissolutezza ». (Sapienza 14:26)

« L’uomo infedele al proprio letto dice fra sé: “Chi mi vede? Tenebra intorno a me e le mura mi nascondono; nessuno mi vede, che devo temere? Dei miei peccati non si ricorderà l’Altissimo”. Il suo timore riguarda solo gli occhi degli uomini; non sa che gli occhi del Signore sono miriadi di volte più luminosi del sole; essi vedono tutte le azioni degli uomini e penetrano fin nei luoghi più segreti. Tutte le cose, prima che fossero create, gli erano note; allo stesso modo anche dopo la creazione ». (Siracide 23, 18-20)

« Ti infliggerò la condanna delle adultere e delle sanguinarie e riverserò su di te furore e gelosia ». (Ezechiele 16:38)

« Si giura, si mentisce, si uccide, si ruba, si commette adulterio, si fa strage e si versa sangue su sangue ». (Osea 4:2)

« Io mi accosterò a voi per il giudizio e sarò un testimone pronto contro gli incantatori, contro gli adulteri, contro gli spergiuri, contro chi froda il salario all’operaio, contro gli oppressori della vedova e dell’orfano e contro chi fa torto al forestiero. Costoro non mi temono, dice il Signore degli eserciti « . (Malachia 3:5)

« Perché io detesto il ripudio, dice il Signore Dio d’Israele, e chi copre d’iniquità la propria veste, dice il Signore degli eserciti. Custodite la vostra vita dunque e non vogliate agire con perfidia » . (Malachia 2, 16)

Il Catechismo della Chiesa Cattolica

« Essi sono: l’adulterio; la poligamia, in quanto contraddice la pari dignità tra l’uomo e la donna, l’unicità e l’esclusività dell’amore coniugale; il rifiuto della fecondità, che priva la vita coniugale del dono dei figli; e il divorzio, che contravviene all’indissolubilità ». (Compendio del Catechismo della Chiesa cattolica 347)

« Il divorzio è una grave offesa alla legge naturale. Esso pretende di sciogliere il patto, liberamente stipulato dagli sposi, di vivere l’uno con l’altro fino alla morte. Il divorzio offende l’Alleanza della salvezza, di cui il Matrimonio sacramentale è segno ». (Catechismo della Chiesa cattolica 2384)

In una nota al Vangelo di San Matteo (Bibbia, Pallotinum) relativa al frammento 5,32 si legge: « Di tutti e tre Vangeli sinottici risulta in modo chiaro e inequivocabile che Gesù ripristinò l’indissolubilità originale del matrimonio e non permise alcun divorzio (Mt 19,6-9; Mc 10,2-12; Luca 16:18;. 1 Cor 7,10n) “.

Fonte:
LA SACRA BIBBIA – http://www.vatican.va/archive/bible/index_it.htm
CATECHISMO DELLA CHIESA CATTOLICA – http://www.vatican.va/archive/ccc/index_it.htm